Esfoliazioni e maschere: trattamenti d’autunno

Esfoliazione, scrub, maschere, l’autunno è la stagione migliore per rinnovare le cellule epidermiche e per consigliare un programma di bellezza che prepari la pelle ai mesi più freddi.

Infatti dopo le vacanze l’epidermide ha bisogno di rinnovarsi e di eliminare le cellule morte e i residui di melanina.

E anche per prepararci fisicamente all’inverno che sta arrivando (e no, questa volta non mi riferisco alla prova costume, ehehe), togliersi il grigiume dell’estate (e mi riferisco a quella abbronzatura che non colora ma rende solo poco luminosa la pelle), facendo respirare e risplendere il nostro corpo. Tutto !

Quindi  l’unica cosa da fare arrivati a questo punto è optare per lo scrub ( ovvero – per
tradurre letteralmente dall’inglese- “strofinare energicamente per pulire”).

Esfoliazione: tecniche diverse per il viso e per il corpo

La pelle del viso e del corpo, però, hanno caratteristiche diverse ed è per questo che anche i riti dell’esfoliazione e del gommage (una tecnica più delicata per rimuovere impurità e liberare i pori) devono essere impiegati in modo differente.

Per il viso si utilizzano scrub con granuli molto piccoli insistendo sulla cute per non più di trenta secondi», mentre per le labbra va bene un gommage che può essere fatto con zucchero di canna e miele. E in ultimo per la pelle del corpo, più robusta, invece, si possono usare prodotti a grana più grossa, che esercitano un’azione meccanica più decisa di rimozione delle cellule cornee superficiali.

Gommage con zucchero di canna e miele

L’esfoliazione può essere chimica o meccanica: l’esfoliazione della pelle grazie a un processo chimico è detta peeling e può essere più o meno profondo mentre l’esfoliazione meccanica, invece, si esegue con lo scrub, limitato allo strato corneo più superficiale e tratta di composti formati da una crema e da granuli che abradono gli strati più superficiali della pelle.

Quanti peeling chimici esistono?

Gli esfolianti chimici (peeling) attualmente disponibili, che si possono utilizzare per l’esecuzione di un peeling chimico, sono molti ma le più diffuse e utilizzate sono:

  • Acido glicolico: dotato di una buona azione esfoliante, che può essere più o meno profonda in funzione della concentrazione impiegata. È indicato per il trattamento di acne, macchie cutanee, rughe e smagliature.
  • Acido mandelico: dotato di un’azione esfoliante estremamente delicata, può essere impiegato anche sulle pelli più sensibili. È indicato soprattutto per il trattamento di acne e rughe superficiali.
  • Acido salicilico: Il suo impiego risulta particolarmente utile in caso di pelle tendente al grasso e all’acne pustolosa di lieve e moderata entità. L’acido salicilico è presente in natura. Lo si trova nel salice (salix alba), ma anche nei tulipani, nelle violette e nei giacinti. Lo troviamo in tantissima frutta come le albicocche, le arance, le fragole e i mirtilli.

Rispetto all’acido glicolico ha un peso molecolare più alto, e quindi rimanendo più in superficie sulla pelle, agisce sugli strati più superficiali.

Ritratto dell’acido salicilico

Nota bene:

Eccedere con l’esfoliazione comporta un anormale assottigliamento della pelle, che risulta così più fragile e vulnerabile alle aggressioni esterne, per cui una cosa importante da sapere è che, ogni volta che si usa l’acido salicilico o si fanno altri trattamenti a base di acidi, bisogna sempre mettere la protezione solare.

La tabella di marcia da seguire per il periodo autunnale  prevede uno scrub/esfliazione settimanale per un mese e successivamente uno ogni quindici giorni. Ricordando che questo tipo di trattamento andrebbe eseguito di norma alla sera prima di andare a dormire perché se effettuato di mattina rischierebbe di aprire troppo i pori lasciando così penetrare impurità, make-up e polvere, e sarebbe poi tutto controproducente.

Sù, su, per questo autunno armiamoci di guizzo buono e prodotti per l’esfoliazione e togliamoci di dosso e dal volto queste giornate uggiose che ci ha stampato (e ahimè, continuerà a farlo) questa stagione, rendendo almeno la nostra pelle più luminosa! 😀

Condividi su facebook
Condividi su twitter
Condividi su linkedin
Condividi su email
Condividi su print
Condividi su whatsapp