La protezione solare migliore per il tuo tipo di pelle: quali scegliere questa estate?

Dopo il freddo e la pioggia dei mesi invernali, non c’è nulla di più piacevole dell’esporsi al sole caldo dell’estate: oltre a regalare alla pelle una tinta dorata, infatti, i raggi solari migliorano l’umore e aiutano il corpo a produrre la preziosa vitamina D. Troppo spesso, però, dimentichiamo che l’esposizione al sole può comportare anche grossi rischi, soprattutto se questa è troppo prolungata o effettuata senza le protezioni adeguate.

Protezione-solare-come-scegliere-makeupitalia

    Usare la protezione solare in estate è fondamentale quindi, non solo per evitare scottature, ma anche per prevenire importanti problemi. In questi casi, l’azione dei raggi solari rappresenta un rischio non solo in termini estetici, provocando la comparsa precoce di rughe, macchie cutanee e altri segni di invecchiamento, ma anche e soprattutto per la salute, arrivando a causare patologie gravi come melanomi e tumori della pelle.

 In commercio si trovano tantissimi tipi di protezioni solari, ognuno adatto a un determinato tipo di pelle e fototipo,essendo il metodo più comune ed efficaci per proteggersi dagli effetti nocivi del sole e abbronzarsi in modo sicuro e sano.

Ad oggi, le aziende cosmetiche propongono una varietà di prodotti; l’offerta  in termini di marchi, tipologie e fasce di prezzo è davvero ampio, tanto da creare disorientamento. 

Vediamo insieme come capire, quindi, quale prodotto fa davvero al caso nostro cercando di fare  un po’ di chiarezza in proposito, esaminando i principali fattori a cui fare attenzione per individuare il solare più adatta alle nostre esigenze e, soprattutto, a quelle della pelle.

In commercio ci sono tantissimi tipi di prodotti solari: protezioni alte, medie e basse, con formule dense e corpose, oppure fluide e leggere.

 La scelta, ovviamente, va fatta prima di tutto in base al fototipo: si tratta di una classificazione utilizzata in dermatologia, che tiene conto di caratteristiche fisiche individuali come etnia, colore degli occhi, colore dei capelli e tipo di reazione all’esposizione ai raggi ultravioletti.

 Le pelli più chiare hanno bisogno di una protezione alta o altissima, quelle naturalmente scure o già abbronzate possono invece optare per una protezione media o bassa. Mai, però, prendere il sole senza protezione, nemmeno quando si è ormai abbronzati!

accessori da spiaggia-makeupitalia

La classificazione Fitzpatrick, su cui convenzionalmente ci si basa per distinguere i diversi fototipi, ne identifica sei:

  • Fototipo I: capelli biondo chiaro o rossi, occhi chiari, carnagione molto chiara che tende a sviluppare eritemi se esposta al sole; che corrisponde ad una protezione molto alta.
  • Fototipo II: capelli biondi o castano chiaro, occhi chiari, carnagione chiara che tende a scottarsi con facilità; protezione alta/molto alta.
  • Fototipo III: capelli scuri, carnagione media che si scotta di tanto in tanto; protezione alta/media.
  • Fototipo IV: capelli scuri, carnagione tendente allo scuro che si scotta raramente; protezione alta/media;
  • Fototipo V: capelli e occhi scuri, carnagione olivastra che si scotta molto raramente; protezione media;
  • Fototipo VI: capelli e occhi scuri, carnagione molto scura/nera che non si scotta mai. protezione media/bassa.
fototipi-makeupitalia
Fototipo

Più il fototipo è alto, più elevata sarà la quantità di melanina presente nella pelle e la protezione fisiologica dai raggi solari: per questo motivo, si potrà scegliere tranquillamente una fascia di protezione; se, invece, il fototipo è basso, la pelle contiene una bassa quantità di melanina e, di conseguenza, il rischio di reazione ai raggi solari sarà più elevato: in questo caso, dunque, occorre optare per una protezione alta.

Come scegliere le creme solari?

Per scegliere la protezione solare più adatta alle proprie esigenze bisogna tenere conto di tre fattori fondamentali: oltre al fototipo, di cui abbiamo parlato prima, bisogna considerare il tipo di pelle (grassa, secca, mista, sensibile), il luogo e la durata dell’esposizione al sole.

È importante allora, tenere conto anche del tipo di pelle: se le creme sono molto nutrienti e idranti allora saranno ottime per le pelli secche e mature, per le pelli miste, grasse e tendenti all’acne bisogna scegliere formule più leggere, non unte e non comedogene. Infine, le pelli molto sensibili e i bambini dovrebbero usare creme solari ipoallergeniche, senza profumo e arricchite con ingredienti lenitivi.

Vediamo tutto nei dettagli:

  • Crema solare: si tratta più probabilmente del protettivo solare più classico e diffuso, dalla consistenza densa e corposa adatta a pelli secche che tendono a disidratarsi durante l’esposizione. Alcune creme sono difficili da spalmare, motivo per cui va lavorata a lungo con le mani durante l’applicazione; e risultare un po’ untuose, lasciando una scia bianca sulla pelle, per questo sono sconsigliate a chi ha la pelle grassa e tendente all’acne. D’altra parte però, proprio perché molto densa, la crema solare si distingue per una buona adesività e resistenza sul corpo.
  • Latte solare: il latte si differenzia dalla crema unicamente in termini di consistenza poiché hanno una consistenza più liquida e facile da spalmare rispetto alla crema, la ragione è la maggiore presenza  nel prodotto di percentuale d’acqua. D’altra parte, il latte solare non è particolarmente resistente al sudore e acqua e va riapplicato più spesso durante il giorno. È adatto alla pelle mista o non troppo  secca.
come scegliere il solare giusto-makeupitalia
Come scegliere il solare giusto?
  • Spray solare: risulta ancora più liquido del latte e a rapidissimo assorbimento. La sua applicazione, però, è ancora più semplice e veloce, poiché lo si può nebulizzare sulla pelle raggiungendo anche i punti più difficili. Per questo motivo, lo spray solare è ideale per la protezione del corpo; ottimo per pelli miste e grasse che non sopportano le creme unte.
  • Gel solare: rispetto alla crema solare, il gel solare ha una consistenza leggerissima e fresca, che si assorbe velocemente ma tende a seccare un po’ la pelle lasciandola molto asciutta. Per questo motivo, i gel solari sono particolarmente indicati a chi ha la pelle grassa o tendente all’acne, ma è sconsigliato a quella mista e secca, perché tende a seccarla ulteriormente.
  • Olio solare: ottimo per le pelli molto secche, che si disidratano durante l’esposizione solare.  Rispetto al passato in cui oli solari erano utilizzati per accelerare l’abbronzatura ed erano privi di filtri contro i raggi UV, oggigiorno la questione è decisamente cambiata. Molte aziende cosmetiche, infatti, hanno iniziato a proporre oli solari dotati di SPF molto elevati, la cui protezione risulta efficace quanto quella delle classiche creme. In particolare, gli oli sono particolarmente consigliati in caso di pelle particolarmente secca o che tende a disidratarsi velocemente quando esposta alla luce del sole: la loro consistenza grassa e nutriente, infatti, permette di proteggere la pelle rendendola allo stesso tempo morbida, liscia ma soprattutto idratata, generalmente adatti a tutti i fototipi;
  • Stick solare: questi filtri solari hanno una consistenza molto densa e cremosa, adatta a proteggere in modo mirato le zone più sensibili come le labbra, il contorno occhi e tatuaggi. Possono essere utilizzati su tutti i tipi di pelle.

Luogo e Durata dell’esposizione

Al di là del fototipo e del tipo di pelle, quando si desidera acquistare una protezione solare occorre tenere in considerazione anche il luogo e la durata dell’esposizione al sole, altro fattore ma no di certo da sottovalutare.

Tenete presente, infatti, che non solo al mare, ma anche in montagna e in campagna è importante usare una protezione solare. Se per esempio stiamo pianificando una gita in montagna, dovremo considerare che ogni 1000 metri di altezza l’intensità dei raggi ultravioletti aumenta del 10% circa; in base all’altitudine del luogo in cui ci troviamo, dunque, dovremo optare per un fattore di protezione più o meno alto. Lo stesso vale per la latitudine: più ci si avvicina all’equatore, più sono intensi i raggi solari.

crema solare come scegliere quella giusta-makeupitalia
Luogo e Durata dell’esposizione al sole

Non dimenticate il riverbero: la sabbia, l’acqua, la neve e il cemento agiscono come uno specchio, riflettono i raggi solari e li intensificano. Infine, vi ricordiamo che i raggi del sole sono più intensi nella fascia oraria dalle 11:00 alle 15:00, quindi se avete intenzione di esporvi in queste ore (cosa che vi sconsigliamo fortemente) dovete usare una protezione molto alta e dunque vi invitiamo a rivalutare la scelta del fattore di protezione.

Come usare la protezione solare nel modo giusto?

 Non basta scegliere il prodotto solo in base al tipo di pelle e alla migliore in commercio per proteggersi dai danni dei raggi solari, ma è importante anche saperla usare nel modo giusto. Come spesso è indicato sulle confezioni dei solari, le regole da seguire per una corretta esposizione ed evitare quanto più possibile i rischi sono:

-Applicare la protezione solare su tutto il corpo e il viso circa 20 minuti prima di esporsi al sole;

– Riapplicare la protezione ogni due ore circa, dal momento che la luce solare, il calore e il sudore degradano i filtri. Se vi trovate al mare, poi, la protezione dovrà essere riapplicata dopo ogni bagno;

-Non esporsi al sole nelle ore più calde della giornata, dalle 12:00 alle 16:00;

– Evitare in ogni caso esposizioni troppo prolungate: la protezione solare, infatti, è un valido aiuto, ma non elimina completamente i rischi collegati all’esposizione ai raggi UV.

-Non usare la crema solare dopo la scadenza. Tutti i cosmetici hanno il PAO sull’etichetta, che indica la validità dalla data di apertura. Per le creme solari di solito è di 6 o 12 mesi. Usare una crema solare scaduta equivale a non usare nessuna protezione. 

come segliere il solare giusto-makeupitalia
Non esporsi nelle ore più calde- dalle 12.00 alle 16.00-

Che cos’è l’SPF o fattore di protezione solare che leggiamo nelle etichette dei prodotti?

 La sigla SPF riportata sulle creme solari sta per “Sun Protector Factor”, cioè il fattore di protezione solare. Il valore numerico del fattore di protezione indica quanto può essere aumentato il tempo di esposizione al sole prima di scottarsi.

Ad esempio, con una crema SPF 50 ci si può esporre al sole per un tempo 50 volte superiore a quello previsto per non scottarsi senza usare una protezione.

Questo significa che più è alto il fattore di protezione, più la protezione solare è efficace nel prevenire scottature, eritemi e tutti i problemi ad essi correlati.

 Anche se in commercio si trovano solari con SPF che va da 6 a 50+, non esistono prodotti in grado di schermare completamente i raggi UV, per questo l’Unione Europea ha vietato di scrivere sulle confezioni delle creme “protezione totale”, “schermo totale” o diciture simili, che in qualche modo riportano descrizioni non veritiere.

 I fattori di protezione solare si dividono in quattro fasce

SPF 6-10: protezione bassa;

SPF 15, 20, 25: protezione media;

SPF 30-50: protezione alta;

 –SPF 50+: protezione molto alta. 

come scegliere il solare giusto-makeupitalia
I raggi UVA penetrano in profondità nella pelle

NOTA  BENE: È importante sapere, però, che il fattore di protezione si riferisce solo ai raggi UVB, perché ad oggi non esiste un metodo standard per calcolare con precisione il fattore di protezione dai raggi UVA. Come abbiamo visto, infatti, i raggi UVA penetrano in profondità nella pelle e non causano scottature o eritemi, che sono due dei parametri usati per calcolare il fattore di protezione. Per essere certi che la crema solare scelta vi protegga da entrambi i tipi di raggi UV, assicuratevi che sulla confezione ci sia la dicitura “UVA” o “ad ampio spettro”.

Spero di essere stata chiara e avervi fornito tutte le indicative affinchè voi facciate la scelta più giusta per il vostro solare.

Vi ricordiamo di lasciare la vostra iscrizione al gruppo Facebook MakeUp Italia Addict per chiedere pareri o dare opinioni, confrontarsi con le altre addict sul solare che proprio non riuscite a sostituire! 😊

La tua opinione è importante,

Vi aspettiamo e soprattutto Buon Sole!

Emanuela Mignone

Condividi su facebook
Condividi su twitter
Condividi su linkedin
Condividi su email
Condividi su print
Condividi su whatsapp