The Ordinary: la storia del brand di skincare più puro e lowcost

C’è una ragione per cui la linea australiana di prodotti di bellezza The Ordinary, ha mandato il settore del Beauty in crisi profonda.

La ragione è tanto semplice quanto lampante: è una linea economica, rigorosamente scientifica e, soprattutto, funziona davvero!!

Tutto è iniziato nel 2017 con una bottiglia di Retinolo venduta a soli 8 euro.

The Ordinary- Retinolo

Il prezzo ha sconcertato tutti: come poteva esserci del Retinolo, vero, puro, non diluito e non addizionato in quella bottiglietta, per un prezzo così basso?! Tenete presente che una bottiglia media di Retinolo, prima che The Ordinary sbarcasse sul mercato, costava circa  35 euro, e comunque non meno di 25 sterline.

Ovviamente il prodotto è andato subito esaurito ed il marchio, è subito balzata in cima a tutti gli altri brand di skincare.

A pochi mesi dal lancio, The Ordinary – come riporta Glamour Uk – ha aperto il suo primo negozio a Spitafields, Londra. Oggi esistono 29 negozi a livello mondiale, per un totale di quattro a Londra, oltre a Toronto, al Messico, all’ Australia ed alla Corea del Sud, con nuove linee di prodotti per la skincare ed il makeup che vennero aggiunti a distanza di pochi mesi l’uno dall’altro.

Un marchio che piace

I fan del marchio amano il fatto che sia giovane e “pulito”, non ci sono pubblicità ingannevoli né gergo di marketing, affermazioni non realistiche o confezioni stupide. I pack sono essenziali anche perchè politica propria del brand è tagliare i costi che farebbero lievitare il prezzo finale del prodotto finito. L’elenco degli ingredienti, poi, non é complicato e non ha bisogno di un traduttore di Google.

I prodotti sembrano usciti da un laboratorio (così come dalla farmacia) ed hanno subito fatto sentire i consumatori e le consumatrici come dei piccoli chimici che li possono usare mescolati tra loro – una goccia di questo, uno schizzo di quello – creando le proprie “pozioni” personalizzate per il proprio tipo di pelle, che é unico.

Il Fondatore

Brandon Truaxe non avrebbe mai pensato di diventare il fondatore di un marchio Beauty così importante.

Brandon Truaxe- the ordinary

Prima di entrare nel settore della bellezza, era un programmatore di computer e stava vivendo il suo momento di popolarità dopo aver lavorato ad un software che si occupava di cura della pelle. Truaxe ha notato la drastica differenza di costo tra le materie prime e i prodotti finiti e la quantità di sovrapprezzo che veniva  aggiunta dalle grandi aziende cosmetiche. Si rese conto che se avesse creato personalmente le sostanze chimiche adatte, in un laboratorio, e le avesse vendute nelle loro forme più pure, avrebbe potuto vendere i suoi prodotti a prezzi estremamente competitivi, eliminando gli  intermediari.

Prodotti

I suoi prodotti sono dedicati all’incarnato perfetto. In particolari tra i best seller ci sono i fondotinta (uno in siero, e uno ad alta coprenza) e alcuni oli viso, come quello all’argan o alla rosa canina.

Per il makeup vennero introdotte 21 tonalità di fondotinta per soli 6 euro e 70 centesimi: il Serum Foundation The Ordinary sono i primi fondi realizzati, avevano un fattore di protezione 15 non chimico (gentile con la pelle) e conferivano alla pelle una luce naturale che era visibile a malapena a occhio nudo.

Subito dopo, é stata immessa sul mercato una nuova linea di fondotinta a copertura completa, molto pigmentata; il Coverage Foundation The Ordinary ad alta coprenza, adattissima ai portatori di acne, perché faceva apparire i brufoli come aerografati.

Serum Foundation e Coverage Foundation- The Ordinary

Anche i fondotinta hanno sbancato il mercato, accumulando una lista d’attesa di oltre 75.000 clienti!

Non mancano nemmeno sieri antiage e prodotti dedicati alla pelle grassa, peeling, primer e molte altre chicche.

Unico prodotto, per il momento acquistato, è la maschera viso esfoliante AHA 30% BHA 2% Peeling Solution.

AHA 30% BHA 2% Peeling Solution.
AHA 30% BHA 2% Peeling Solution.

La consistenza e il colore è per “stomaci forti” : quando la si applica si nota subito che al tatto è melmosa e molto densa, di un color rosso sangue. Applicandola sul viso infatti l’effetto “splatter” da film horror non è da meno! Una volta lasciata in posa per 10 minuti, non oltre, la si rimuove con acqua tiepida facendo attenzione ad evitare il contatto con occhi e labbra. La mia pelle, contro ogni aspettativa, ha reagito bene; ammetto infatti di essere stata un po’ spaventata all’idea di provare per la prima volta un prodotto “aggressivo” e puro temendo bruciori e conseguenze disastrose.

AHA 30% BHA 2% Peeling Solution- Swatch

Dopo la pelle è sicuramente più liscia, ma anche molto secca: il risultato è simile a quello che si ottiene con una normale maschera all’argilla, promossa!

The Ordinary sta quindi dimostrando che truccarsi e prendersi cura in modo scientifico e ottimale della propria pelle non dove per forza costare un patrimonio.

Emanuela Mignone

Condividi su facebook
Condividi su twitter
Condividi su linkedin
Condividi su email
Condividi su print
Condividi su whatsapp